Alvise Toniolo, quando il karate è quasi tutto

10 Novembre 2022 - 09:53

 

Roberto Turetta
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Roberto Turetta

Nel karate c’è un astro che comincia a brillare. Quell’astro si chiama Alvise Toniolo ed è un ragazzo classe 2007 che abita a Mottinello di Galliera Veneta. Con il suo kimono ha preso parte alla spedizione della nazionale italiana ai mondiali di categoria a Konya, in Turchia, dal 26 al 30 ottobre. E pazienza se il suo cammino nella competizione si è fermato di un soffio al terzo turno, il suo percorso agonistico dice comunque molto su di lui. 

«Cintura nera primo dan, ha alle spalle oltre 30 gare di kumite (combattimento, ndr), vittorie prestigiose nella Youth League di Parenzo, nell’Istria croata e nei campionati nazionali –spiega Niki Mardegan, suo preparatore atletico nonché istruttore in forza alla Sport Target di Castelfranco Veneto, dove Alvise è tesserato-. Del resto l’ho sempre visto pieno di energia e di talento, dopo tanto tempo con noi». 

Alvise ha iniziato a soli cinque anni. Racconta il giovane atleta: «E’ stato mio nonno a incoraggiarmi a iniziare. “Devi imparare a difenderti” mi diceva. Target aveva una filiale a Cittadella e da là è partito tutto». Si può dire un vero e proprio colpo di fulmine. «Mi piacque subito l’ambiente, le attività da fare, l’ordine, gli istruttori. Il karate è per me imprevedibilità, capacità di gestire l’ansia e di fare la cosa giusta al momento giusto. Non mi sono più fermato, neppure quando si è trattato di allenarsi a Castelfranco».

Per alcuni anni ha pure accompagnato l’arte marziale alla pratica natatoria. «I miei fratelli e sorelle avevano tutti fatto nuoto. Quando però non fu più possibile portare avanti entrambi, feci la mia scelta. Per fortuna tutta la mia famiglia mi ha sempre supportato, portandomi agli allenamenti». Da quando è divenuto agonista, le sedute sono almeno cinque a settimana. «Tutte differenziate: a volte un’ora e mezza, a volte due ore, a volte una doppia seduta dove prima pratico le tecniche di combattimento e poi uso gli attrezzi della palestra». La struttura di Target a Castelfranco è infatti molto attrezzata, perché oltre alle sezioni di karate comprende judo e fitness. Senza questa preparazione, del resto, non sarebbe arrivato ai traguardi attuali.

313 1200x533 interna

«Ci sono state soddisfazioni e delusioni, ma alla fine sono contento di quanto ho fatto. Mi sento migliorato anche nel carattere. Quando per esempio entro nel tatami per i combattimenti, il tappetino delle competizioni, non sento più la tensione e l’ansia da prestazione: l’importante è dare il meglio di se stessi sapendo che si può vincere o perdere. Ai mondiali ero pure in vantaggio per 4 a 1 contro uno dei grandi favoriti del torneo, poi due miei errori nel finale hanno decretato la sua vittoria». Nel tipo di competizione da lui disputata c’è infatti un unico round da due minuti, con colpi controllati che valgono un tot di punti.

Quanto al futuro, Alvise ha già le idee chiare. «Vorrei proseguire sulla strada delle arti marziali a livello professionistico, per esempio entrare nell’esercito sulle orme di Mattia Busato». In ogni caso, non è l’unica strada possibile. «Se così non sarà, sono propenso al percorso professionale di mio padre: lui è meccanico di autobus, mi piace molto il suo lavoro. A scuola studio meccanica in un istituto professionale a Bassano del Grappa e al momento sta andando bene».

© chesport.infoTutti i diritti riservati

 

Le più lette

Ran Takahashi, la star social della Kioene Pallavolo Padova

900 mila followers e una giornalista inviata dal Giappone per scrivere su di lui. E Ran continua a crescere sul campo

Apre a Cadoneghe Cóm Tâm, uno spazio di crescita e di equilibrio interiore fisico e mentale

Corsi di Hata Yoga, Meditazione, Biodanza, Ginnastica posturale e funzionale, ma anche consulenze e trattamenti osteopatici e nutrizione nello sport

La nuova vita di Serena Banzato, oggi atleta paralimpica

"Dopo la seconda laurea il Cammino di Santiago, il viaggio dei miei sogni. In Galizia un'infezione terribile ed è cambiata la mia vita"

La storia di Daniela Buranello: maratoneta e fondatrice della Onlus 'Il sorriso di Giovanni'

La corsa per affrontare un grave lutto e combattere il dolore, l'impegno concreto a favore dell'Oncoematologia Pediatrica di Padova

Zucka, con il nuovo impianto a Carmignano si riaccende la passione per lo skateboard

Una nuova struttura omologata per manifestazioni e gare per l’associazione che dai primi anni ’90 porta i ragazzi sulla tavola

Torna la Summer Run, 13 tappe in provincia di Padova per stare in forma e in compagnia

Corse o camminate collettive serali col 'terzo tempo'. Dal 30 giugno al 29 settembre

Checco Camposampiero Rugby Asd: dai grandi ai piccoli tutti in campo con il cuore in mano

Una grande squadra che sposa sport e valori, unita contro la violenza sulle donne

Asd Valsugana Volley: un punto di riferimento a Padova per la pallavolo maschile

La prima squadra in serie B ma la società punta ai valori prima che al risultato. Il presidente Bastianello: “Manteniamo le caratteristiche di associazione”

Una serata per festeggiare Elena Rossetto, bronzo ai mondiali di pattinaggio corsa

La giovanissima atleta dell’Azzurra Pattinaggio Corsa accolta tra gli applausi generali. “A otto giri dalla fine sono partita in fuga ed è stato allora che ho pensato di potercela fare”

Logo Chesport
Storie di sport da Padova e provincia
chesport.info - Storie di sport nell'Alta Padovana | Reg. Trib. Pd N.1580 del 10.10.1997 | Direttore Responsabile: Giuliana Valerio
Proprietario ed Editore: Press sas di Giuliana Valerio & C. via Gramsci, 96 - 35010 Cadoneghe  PD - P.IVA 04003400282

Per la vostra pubblicità sul sito
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
335 8140675