Skip to main content

Tennis femminile: Parks si aggiudica il Veneto Open promoted by Regione del Veneto

24 Giugno 2024 - 12:36
Giuliana Valerio
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Giuliana Valerio

Alycia Parks nella finale del Torneo di Gaiba (RO) non lascia scampo a Bernarda Pera, battuta per 6-3 6-1 in un’ora e otto minuti di gioco.

La 23enne afroamericana non ha smesso di avere lo stesso atteggiamento in campo, dal primo all’ultimo punto. Un atteggiamento che l’ha accompagnata fin dalle prime battute a Gaiba, l'unico torneo in Italia che si svolge su campi in erba naurale, e fatto di tanto (tantissimo) self-talk, una radio costantemente accesa sulla medesima frequenza. Ma anche proteste e nervosismo alle prime chiamate dubbie, più continui dialoghi col papà-coach Michael a bordo campo.

Parks... show

Nel primo set la 23enne di Atlanta ha mostrato di essere una giocatrice capace di abbinare la testa ai colpi, qualità che durante la settimana a Gaiba non aveva ancora mostrato. E i risultati si sono visti: perché la sua avversaria, pure lei americana (ma croata di nascita e trasferita negli USA a 16 anni) non stava particolarmente demeritando. Solo che, in quella modalità, Alycia è una giocatrice che vale (ampiamente) le prime 40 al mondo. E anche di più.

Così il 6-3 in 36 minuti in favore dell’afroamericana si è rivelato praticamente inevitabile. Peccato però che tra i talenti innati di Alycia, un titolo WTA già incamerato in carriera (Lione 2023), ci sia pure quello di complicarsi la vita, in totale autonomia, senza che l’avversaria di turno debba inventare alcunché. Solo così è spiegabile il passaggio a vuoto - per sua fortuna molto contenuto nella durata - che dopo il break iniziale in avvio di secondo set ha portato Parks a commettere la bellezza di 4 doppi falli su 5 punti e ridare una parvenza di speranza a Bernarda Pera.
Più che speranza, però, si è trattata di una pia illusione, anche perché a conti fatti non è tanto il punteggio finale a stupire (6-3 6-1), quanto il conteggio dei punti: 61 conquistati da Parks a fronte dei 36 di Pera, saldo che diventa 31 a 16 se si considera il solo secondo set e che è ancora più significativo (e mostruoso) se a questi si sottraggono i doppi falli della vincitrice (10, 13 in tutto il match). Insomma, i punti portati effettivamente a casa da Bernarda Pera nella seconda frazione sono stati 6. Sei, in un set.

E pensare che, proveniente dalle qualificazioni, nel tabellone cadetto Parks aveva annullato due match point alla ceca Anna Siskova per non salutare la compagnia ancor prima che la festa avesse inizio. “Questa settimana mi dà molta fiducia - ha detto Alycia nel post match - soprattutto perché adesso volerò a Wimbledon (dove è nel tabellone di qualificazione in virtù del suo ranking da n.149 Wta, ndr). Quello di Londra è uno dei miei appuntamenti preferiti dell’anno, arrivarci con una vittoria è sempre molto positivo e può essere un bell’aiuto”.

Parks ha bissato pure il titolo di doppio conquistato nella serata di sabato in coppia con l’altra connazionale Hailey Baptiste, oltre a portarsi a casa il premio targato Regione del Veneto in qualità di rivelazione del torneo. Confermandosi più forte di tutte.

Fuori la Errrani in semifinale

Si è fermato in semifinale il percorso di Sara Errani, che dopo una partita molto intensa, fisicamente, tecnicamente ed emotivamente, ha dovuto lasciare il passo a Bernarda Pera di fronte alle tribune gremite del Campo Centrale del Tc Gaiba. Peccato, perché la 37enne romagnola pareva poter gestire il tennis mancino della 29enne americana, che però ha “riassunto” in un match tutta la sua settimana a Gaiba. “Mi sto abituando sempre più a questa superficie e sto prendendo molta confidenza”, aveva detto. E in campo lo ha fatto vedere, specialmente al servizio, con ben 16 ace messi a referto nell’arco dell’incontro e con una sicurezza invidiabile con il diritto, specialmente per chi confessava di non essersi mai sentita a proprio agio sul verde prima d’ora.

Eppure la tennista di origini croate, che in carriera ha già incamerato 2 titoli del circuito WTA (Budapest e Amburgo, entrambi nel 2022), ha saputo tirarsi fuori da diverse situazioni complesse. Come a fine del secondo parziale, quando Errani è stata vicina a piazzare la zampata che le sarebbe valsa la seconda finale qui (dopo quella persa nel 2022). Oppure all’inizio del terzo, quando l’azzurra aveva tentato la fuga sul 2-0 prima di essere ripresa e poi superata di slancio fino al 4-2, preludio al 4-6 7-5 6-3 definitivo in un due ore e 29 minuti.

Bilancio positivo per la terza edizione del Torneo

Il Veneto Open promoted by Regione del Veneto si è rivelato più forte di tutto, anche delle condizioni meteo che hanno segnato la giornata conclusiva della manifestazione. Lavoro doppio per l’organizzazione e per i ‘groundsmen’, impegnati a ‘curare’ il campo filo d’erba per filo d’erba prima della finale, con un team di 8 persone al lavoro fin dalle 6 del mattino e con tanto di coperture e scoperture ripetute per controllare lo stato del manto. Fortunatamente, la pioggia ha smesso di cadere su Gaiba proprio nella finestra che è stata necessaria ad Alycia Parks per mettere in cassaforte il suo primo titolo su erba in carriera.

“È stata una terza edizione incredibile - ha commentato a caldo Elia Arbustini, il direttore del Veneto Open promoted by Regione del Veneto - per numeri, per livello e per risposta di pubblico. Per tutta la settimana abbiamo sempre avuto un’ottima affluenza, anche grazie alle prestazioni delle nostre azzurre, Sara Errani su tutte. Possiamo già confermare l’impegno per il 2025 e vogliamo continuare a crescere, passo dopo passo, contando anche su uno staff che di edizione in edizione si conferma super”. Sul futuro di Gaiba, guardando in avanti, splende un gran bel sole.

Risultati
Singolare, finale: Parks (Usa, Q) b. Pera (Usa, 8) 6-3 6-1.
Doppio, finale: Baptiste / Parks (Usa) b. Kolodziejova / Siskova (Cze, 2) 7-6(4) 6-2

 

Foto: Creativite Idea

© chesport.infoTutti i diritti riservati

Le più lette

Il torneo organizzato dal Tennis Club Gaiba con 115.000 dollari di montepremi è l'unico in Italia su erba naturale

Intervista a Robert, 12 anni, sordo dalla nascita che gioca nel Petrarca Calcio a 5. A giugno ha partecipato all'European Futsal Under 12 e 14 a Madrid

Nuvolì AltaFratte saluta coach Vincenzo Rondinelli e dà il benvenuto a Marco Sinibaldi. Il tecnico piemontese resta a Padova e inizia un nuovo percorso con Banca Annia Padova Women

La formazione di Jacopo Da Villa, battendo in finale i Giovani Tenaci Roma, ha inanellato 16 vittorie su 16 partite

Lo schiacciatore di Pallavolo Padova convocato da De Giorgi