Skip to main content

Martina Favaretto, l'oro mondiale della scherma a squadre firmato Antoniana

03 Agosto 2023 - 09:39

 

Roberto Turetta
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Roberto Turetta

L’Italia della scherma è tornata ai massimi livelli con i recenti ori ai Mondiali di Milano che si sono conclusi il 30 luglio. Una parte di questo risultato è il frutto di un lavoro compiuto nella nostrana San Giorgio delle Pertiche, perché negli spazi della società Antoniana si allena Martina Favaretto. L’atleta classe 2001, residente a Noale ma in forza all’Antoniana da qualche anno, è infatti salita più volte sul podio per la specialità fioretto: bronzo nelle individuali, oro nella parte a squadra con le compagne Arianna Errigo, Francesca Palumbo e Alice Volpi. E a questo si aggiungono i successi ottenuti nei precedenti Europei a Plovdiv in Bulgaria, con un argento per le individuali e un altro oro per le gare a squadre.

477 favarettto interna 1 1200x533

«Sono molto soddisfatto, perché significa non soltanto la parte finale di una crescita fisica ma anche e soprattutto mentale – commenta Mauro Numa, presidente e fondatore di Antoniana Scherma, nonché suo allenatore e mentore-. Ho visto che ha acquisito fiducia e consapevolezza dei propri mezzi, trasformandoli in un’arma in più nelle grandi competizioni. Ha fatto una stagione grandiosa se includiamo i primi posti di Coppa del Mondo al Cairo e a Tbilisi. Questo, nonostante le difficoltà iniziali e qualche imprevisto nel bel mezzo del cammino».

Soddisfazione ed orgoglio anche per la pluricampionessa che tuttavia non perde l’umiltà e la gentilezza che la contraddistinguono. «E’ stato davvero un bell’anno dal punto di vista agonistico –precisa la Favaretto -. E dire che era partito con qualche acciacco fisico che mi ha un po’ limitato. Poi pian piano ho recuperato. Gli esercizi fatti in continuazione con Numa e gli altri preparatori sugli ultimi metri (la cosiddetta sesta pedana), come pure sulle abilità, sono stati molto utili. Poi c’è stato il lavoro con lo psicologo dello sport per imparare a contenere l’ansia: sento di aver fatto molti passi avanti, perché mi ha insegnato a visualizzare gli obiettivi e mettere da parte la paura una volta in gara. Adesso posso dire di aver superato pure qualche timore reverenziale di troppo, visto che ero sempre la più giovane».

477 favaretto interna 1200x533

Il buon rapporto con la compagne nazionali ha fatto il resto. «Mi hanno accolto benissimo, mi sembra di stare una famiglia – ha continuato - Certo, c’è sempre un po’ di competizione perché il mio è uno sport in cui si gareggia singolarmente. Ma tra noi c’è rispetto e benevolenza, nonché la convinzione di potercela fare vistala nostra preparazione e la tradizione dell’Italia».

Proprio a Errigo si è arresa nelle individuali del Mondiale di Milano. La sua maggiore esperienza ha fatto la differenza. Ma è stata una gara combattuta, sono comunque contenta. In altre occasioni, come gli individuali agli Europei, si è messa di mezzo la sfortuna. «Ho dovuto ritirarmi in semifinale per dei crampi successivi a un’influenza, peraltro contro un’altra italiana. Peccato». In compenso è arrivato il bronzo finale ex aequo. Ora però è arrivato il momento di staccare. «Ho davanti un mese di vacanza: ci voleva dopo tutti questi impegni. Poi a settembre si riparte, sempre con tanta programmazione».

© chesport.infoTutti i diritti riservati

<!

Le più lette

Lo schiacciatore di Pallavolo Padova convocato da De Giorgi

Stesso nome (Andrea) e ruolo (attaccante) sono i “figli d’arte” di Francesco Toldo ed Angelo Montrone

Sarà in onda stasera alle 21.30 su Rai 1 con l’attivazione di un numero solidale. L’iniziativa sostiene l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma e il reparto di Pediatria dell’Ospedale San Salvatore dell’Aquila

Il padovano ha gareggiato nelle staffette 4X100 e 4X400 nei Campionati Europei Virtus ad Uppsala, in Svezia

In serie A, Andrea De Nicolao lascia la Reyer dopo 7 stagioni. Saluta Virtus Padova dopo 14 il “simbolo” Federico Schiavon

Marianna Maggipinto è il nuovo capitano. Fischio d’inizio il 5 ottobre con un calendario segnato da tre lunghe trasferte