Giornata Mondiale del Diabete, il calcio dilettanti veneto scende in campo

17 Novembre 2022 - 08:50

 

Monia Pasqualetto
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Monia Pasqualetto

Con il diabete si può vivere una vita normale e praticare sport a qualsiasi livello. E’ questo il messaggio che il calcio dilettanti veneto lancerà domenica prossima, 20 novembre, a tutte le persone che convivono con questa malattia, in particolare ai bambini e ai ragazzi. Gli arbitri e i giocatori delle prime squadre giocheranno indossando una fascia che riporta il logo della Giornata Mondiale del Diabete. Prima del fischio d’inizio delle partite verrà inoltre letta agli spettatori la testimonianza di un atleta quindicenne affetto da questa patologia.

L’iniziativa, presentata a Marghera, nella sede del Comitato Regionale Veneto FIGC-LND, ente promotore con l’Associazione Giovani e Diabete di Verona Onlus, si intitola “In campo con il mio diabete” e rientra in un ampio progetto diretto a diffondere una maggiore conoscenza sul diabete, in particolare quello di tipo 1.

“Siamo sempre presenti quando si tratta di fare squadra con realtà che promuovono messaggi di valenza sociale – ha dichiarato il presidente del Comitato Regionale Veneto FIGC-LNDGiuseppe Ruzza – Questo progetto ci è piaciuto immediatamente e ci siamo buttati a capofitto nell’organizzazione, per la quale devo ringraziare le delegazioni territoriali che stanno profondendo un grande impegno in questi giorni”. Un progetto che racchiude in sé, non solo la volontà di sensibilizzare su una malattia oggi molto diffusa, ma anche l’intenzione di concepire l’attività sportiva come uno strumento di promozione di valori, in primis quello dell’inclusività. “Lo sport non è solo la gioia per una vittoria o l’amarezza per una sconfitta – ha continuato Ruzza – Lo sport è in grado di trasmettere valori. I nostri campi devono essere aperti a tutti, ai bravi e ai meno bravi, a chi è sano e a chi ha dei problemi di salute. Non dobbiamo avere paura di affrontare situazioni complesse, anzi, dobbiamo aiutare i ragazzi che vivono delle difficoltà”.

Su questa linea anche Fabiano Marra, presidente dell’Associazione Giovani e Diabete di Verona onlus impegnata in varie iniziative di sensibilizzazione sul diabete, patologia autoimmune le cui complicanze possono essere gestite tanto meglio quanto prima viene effettuata la diagnosi. “Un ragazzo che soffre di diabete può fare tutto quello che fanno i suoi coetanei, sport incluso, ma deve sempre prestare attenzione a mantenere corretti livelli di glucosio nel sangue – ha precisato Marra – Il primo messaggio che vogliamo lanciare riguarda la diagnosi precoce: anche i bambini possono avere il diabete. Credo, inoltre, che sia importante promuovere una cultura della condivisione tra chi è affetto da questa patologia: informate gli altri sulla vostra condizione perché solo così sapranno come aiutarvi in caso di bisogno”. Il diabete può insorgere già nella prima infanzia e, come ricordato dal presidente dell’onlus veronese, è fondamentale riconoscerne i segnali, quali sete e minzione frequenti, per procedere quanto prima ad una diagnosi.

Presente all'incontro anche  Elisa Bellotti, membro del Consiglio Direttivo dell’AGD di Verona e madre di due ragazzi diabetici, uno dei quali è stato l’ispiratore dell'iniziativa. “Tutto nasce dalla passione di uno dei miei figli per il calcio – ha ricordato Elisa Bellotti – Quest’anno è entrato in una squadra giovanile di livello regionale e il numero e l’intensità degli allenamenti sono aumentati, pertanto abbiamo dovuto modificare e integrare la sua dieta sotto consiglio medico”.

Una testimonianza preziosa che dimostra come praticare sport per un ragazzo diabetico non sia facile ma sicuramente sia possibile anche a livelli importanti. “Con la sua squadra abbiamo pensato che per la Giornata Mondiale del Diabete sarebbe stato bello realizzare un’iniziativa che desse visibilità agli sforzi compiuti da questi ragazzi – ha continuato Elisa Bellotti – Grazie alla disponibilità del Comitato Regionale Veneto questo piccolo sogno è diventato un progetto che è stato esteso a tutte le squadre regionali. Ai giovani che soffrono di diabete voglio dire di non mollare mai e di non pensare che la malattia sia un limite perché le difficoltà possono rendervi migliori”.

 

© chesport.infoTutti i diritti riservati

Le più lette

Ran Takahashi, la star social della Kioene Pallavolo Padova

900 mila followers e una giornalista inviata dal Giappone per scrivere su di lui. E Ran continua a crescere sul campo

Apre a Cadoneghe Cóm Tâm, uno spazio di crescita e di equilibrio interiore fisico e mentale

Corsi di Hata Yoga, Meditazione, Biodanza, Ginnastica posturale e funzionale, ma anche consulenze e trattamenti osteopatici e nutrizione nello sport

La nuova vita di Serena Banzato, oggi atleta paralimpica

"Dopo la seconda laurea il Cammino di Santiago, il viaggio dei miei sogni. In Galizia un'infezione terribile ed è cambiata la mia vita"

La storia di Daniela Buranello: maratoneta e fondatrice della Onlus 'Il sorriso di Giovanni'

La corsa per affrontare un grave lutto e combattere il dolore, l'impegno concreto a favore dell'Oncoematologia Pediatrica di Padova

Zucka, con il nuovo impianto a Carmignano si riaccende la passione per lo skateboard

Una nuova struttura omologata per manifestazioni e gare per l’associazione che dai primi anni ’90 porta i ragazzi sulla tavola

Torna la Summer Run, 13 tappe in provincia di Padova per stare in forma e in compagnia

Corse o camminate collettive serali col 'terzo tempo'. Dal 30 giugno al 29 settembre

Checco Camposampiero Rugby Asd: dai grandi ai piccoli tutti in campo con il cuore in mano

Una grande squadra che sposa sport e valori, unita contro la violenza sulle donne

Asd Valsugana Volley: un punto di riferimento a Padova per la pallavolo maschile

La prima squadra in serie B ma la società punta ai valori prima che al risultato. Il presidente Bastianello: “Manteniamo le caratteristiche di associazione”

Una serata per festeggiare Elena Rossetto, bronzo ai mondiali di pattinaggio corsa

La giovanissima atleta dell’Azzurra Pattinaggio Corsa accolta tra gli applausi generali. “A otto giri dalla fine sono partita in fuga ed è stato allora che ho pensato di potercela fare”

Logo Chesport
Storie di sport da Padova e provincia
chesport.info - Storie di sport nell'Alta Padovana | Reg. Trib. Pd N.1580 del 10.10.1997 | Direttore Responsabile: Giuliana Valerio
Proprietario ed Editore: Press sas di Giuliana Valerio & C. via Gramsci, 96 - 35010 Cadoneghe  PD - P.IVA 04003400282

Per la vostra pubblicità sul sito
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
335 8140675