Volley femminile: tanta preparazione e motivazioni, la ricetta del Medovolley per crescere

27 Febbraio 2022 - 11:42
Roberto Turetta
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Roberto Turetta

Il Medovolley di Selvazzano Dentro marcia a spron battuto. Questa società di pallavolo femminile ha inanellato una serie di successi ai tornei dell’Epifania con molte delle sue formazioni e le ragazze sono prime in tutti i campionati giovanili. Non a caso, in base ai risultati ottenuti dalle compagini giovanili negli anni, alla società è stato conferito dalla Federazione Italiana Pallavolo il Marchio di Qualità 2020-2021.

Questi risultati non sono casuali, ma nascono per un disegno preciso della dirigenza di far crescere le atlete e di schierare ragazze di casa, senza cercare 'campionesse' all'esterno. Una visione del futuro che si somma alla storia, vista la nascita nel 1986 come Medoacus, la conseguente esperienza e il radicamento nel territorio di Selvazzano Dentro e della vicina Saccolongo.

"Negli ultimi anni abbiamo optato per un cambio di passo: sedute di allenamento più intense e continue, nonché partecipazioni a più campionati della stessa squadra – spiega il direttore sportivo Giuseppe Rea, uno dei principali artefici del cambiamento - In altre parole, maggior preparazione e motivazione". A partire dall’Under 18, la prima squadra che disputa anche la serie C. "Nel campionato Under 18 giocano la domenica, nella C il sabato sera. Non è una forzatura, perché le pallavoliste raggiungono l’apice della forma tra i 16 e i 20 anni. Purtroppo siamo all’ultimo posto in classifica, ma con la nuova formula la permanenza nella categoria è di un biennio: in questo primo anno facciamo fatica perché tutto è nuovo, contiamo nel prossimo di fare punti", prosegue Rea, anche a nome del presidente di Medovolley Antonio Fincato e di tutto il Direttivo.

In compenso le altre categorie vanno a gonfie vele: dall’under 12 a quelle delle età superiori, hanno fatto faville negli ultimi tornei e nei rispettivi campionati. Alla 14a edizione del Torneo nazionale Presepe della Marineria che si è svolto a Cesenatico nei primi giorni di gennaio l'Under16 è arrivata prima, e Giorgia Graziani è stata votata miglior giocatrice del torneo. L'Under 14 si è classificata seconda. Nei diversi campionati, l'Under 18, 16 e l'Under 14 si sono qualificate al girone eccellenza senza perdere un set. Così anche l'Under 13, prime in classifiche, il cui campionato è però ancora in corso. Infine, l'Under 14, che annovera molte 12 e 13 enni, e partecipa anche all'Under 16 CSI dove si era classificata per la finale, poi annullata per la pandemia. 

In questo caso si raccolgono i frutti della formazione mirata per tutte le 140 tesserate: "Alcune giocatrici della C allenano bambine e ragazze già nel minivolley. Abbiamo fatto fare loro corsi di 'smart coaching', in alcuni casi le abbiamo inquadrate con contratti di alternanza scuola-lavoro. L’importante è che stabiliscano buone relazioni con le più piccole e supportino i tecnici". Tutto, appunto, per il futuro. Anche perché non c’è alcuno sbarramento all’ingresso, sono le allieve a scegliere se andare avanti o meno. "C’è una sorta di 'selezione naturale': alla fine sono la disponibilità all’impegno e la passione per questo sport a incidere nella prosecuzione o meno di ogni pallavolista". E ognuna di loro ha comunque una certezza: se ha voglia di crescere può continuare a farlo rimanendo nella sua società, senza venire sopravvanzata da atlete che provengono da fuori. E, anzi, sono le altre società a venire a pescare dal loro vivaio.

© chesport.infoTutti i diritti riservati

Le più lette

Ran Takahashi, la star social della Kioene Pallavolo Padova

900 mila followers e una giornalista inviata dal Giappone per scrivere su di lui. E Ran continua a crescere sul campo

Apre a Cadoneghe Cóm Tâm, uno spazio di crescita e di equilibrio interiore fisico e mentale

Corsi di Hata Yoga, Meditazione, Biodanza, Ginnastica posturale e funzionale, ma anche consulenze e trattamenti osteopatici e nutrizione nello sport

La nuova vita di Serena Banzato, oggi atleta paralimpica

"Dopo la seconda laurea il Cammino di Santiago, il viaggio dei miei sogni. In Galizia un'infezione terribile ed è cambiata la mia vita"

La storia di Daniela Buranello: maratoneta e fondatrice della Onlus 'Il sorriso di Giovanni'

La corsa per affrontare un grave lutto e combattere il dolore, l'impegno concreto a favore dell'Oncoematologia Pediatrica di Padova

Zucka, con il nuovo impianto a Carmignano si riaccende la passione per lo skateboard

Una nuova struttura omologata per manifestazioni e gare per l’associazione che dai primi anni ’90 porta i ragazzi sulla tavola

Torna la Summer Run, 13 tappe in provincia di Padova per stare in forma e in compagnia

Corse o camminate collettive serali col 'terzo tempo'. Dal 30 giugno al 29 settembre

Checco Camposampiero Rugby Asd: dai grandi ai piccoli tutti in campo con il cuore in mano

Una grande squadra che sposa sport e valori, unita contro la violenza sulle donne

Asd Valsugana Volley: un punto di riferimento a Padova per la pallavolo maschile

La prima squadra in serie B ma la società punta ai valori prima che al risultato. Il presidente Bastianello: “Manteniamo le caratteristiche di associazione”

Una serata per festeggiare Elena Rossetto, bronzo ai mondiali di pattinaggio corsa

La giovanissima atleta dell’Azzurra Pattinaggio Corsa accolta tra gli applausi generali. “A otto giri dalla fine sono partita in fuga ed è stato allora che ho pensato di potercela fare”

Logo Chesport
Storie di sport da Padova e provincia
chesport.info - Storie di sport nell'Alta Padovana | Reg. Trib. Pd N.1580 del 10.10.1997 | Direttore Responsabile: Giuliana Valerio
Proprietario ed Editore: Press sas di Giuliana Valerio & C. via Gramsci, 96 - 35010 Cadoneghe  PD - P.IVA 04003400282

Per la vostra pubblicità sul sito
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
335 8140675